lunedì 2 novembre 2015

Biscotti Digestive

Io la mattina ho ‘una partenza lenta’. Non sono il tipo che si alza e si mette subito in moto, pronta per uscire dopo mezz’ora. Ho bisogno di tempi lunghi, mi devo concedere almeno 45 minuti di lettura tranquilla prima di iniziare la giornata, altrimenti non ho le energie sufficienti. Questo anche nei giorni in cui vado a Milano ed ho il treno alle sette. Mi alzo alle cinque, ma non rinuncio alle mie abitudini. Sembra un po’ folle, lo so, ma spesso quell’oretta che trascorro a leggere prima delle sette è l’unico momento tutto mio della giornata.
Per questo la mattina faccio due colazioni, o quasi. La prima da sola, appena sveglia. Preparo il caffè, rigorosamente con la moka, perché lo preferisco decisamente a quello delle macchine espresso. Mi piace il profumo del caffè fatto così, la consistenza un po’ lunga e perfino il borbottio quando passa. Lo verso a piccole dosi nella tazza, quella grande che di solito si usa per il tè e mi piace senza zucchero né latte, così com’è. Lo bevo lentamente, anzi, me lo gusto davvero tanto, leggendo seduta al tavolo di cucina o prendendo appunti sulla mia agenda: se la giornata si presenta difficile, faccio una lista delle cose da fare, quelle indispensabili e quelle che si possono rimandare se il tempo non c’è. Perché a volte 24 ore in una giornata sembrano davvero poche e io senza le mie liste mi perdo un po’.
E insieme al caffè della mattina ci vuole un biscotto, uno solo o al massimo due, in attesa della colazione vera che faccio più tardi insieme a mio marito - quando è a casa - o da sola: pane e marmellata nei giorni ‘normali’, una fetta di torta e altre cose golose nei giorni festivi, quando la colazione tra una chiacchiera e l’altra dura anche più di mezz’ora.
I digestive sono tra i miei biscotti ‘da caffè’ preferiti. Perché sono croccanti senza essere duri, si inzuppano molto bene e la farina di avena dà quel gusto particolarissimo che in abbinamento al caffè a me piace molto. Ho trovato qui la ricetta di Gary Rhodes, l’ho leggermente modificata per ridurre il burro, perché a me il sapore deciso del burro non piace mai e li faccio e li rifaccio continuamente.


BISCOTTI DIGESTIVE




Ingredienti per una trentina di biscotti (dipende dalle dimensioni dello stampo)

(tra parentesi le dosi originali della ricetta di Gary Rhodes, quando le he variate)

100 gr di farina integrale
100 gr di farina d'avena 
80   gr di burro           (100 gr di burro)
1 bel pizzico di sale
65 gr di zucchero integrale di canna              (50 gr di zucchero di canna)
7 gr di lievito per dolci           (un cucchiaino di lievito per dolci)
4 cucchiai di latte intero                    (1 o 2 cucchiai di latte)


In una casseruola fai sciogliere il burro a bagnomaria e lascialo raffreddare.
Nel frattempo in una ciotola mescola le due farine e il sale.
Quando il burro si è raffreddato, uniscilo alle farine, amalgama rapidamente e aggiungi lo zucchero e il lievito.
A questo punto aggiungi il latte un cucchiaio alla volta, a me ne sono serviti quattro. Quanto latte aggiungere dipende da quanto sono asciutte le farine utilizzate. Lo scopo è ottenere un impasto morbido ma lavorabile, come una frolla.
Quando l’impasto è pronto (deve venire liscio e compatto appunto come una frolla), dai la forma di un panetto e metti in frigorifero a riposare avvolto da pellicola per almeno un’ora (io l’ho lasciato due ore, si lavora più facilmente).
Trascorso il tempo di risposo della pasta, accendi il forno a 180 gradi.
Prendi il panetto, stendilo con un mattarello ad uno spessore di circa mezzo cm (c’è il lievito e in cottura gonfiano un pochino).
L’impasto è un po’ appiccicoso, per rendere più facile l’operazione con il mattarello conviene inserire l’impasto tra due fogli di carta da forno.
Ritaglia i biscotti con una formina tonda (è la forma classica dei digestive), se vuoi puoi bucherellare la superficie con una forchetta e mettili su una teglia foderata di carta da forno, un po’ distanziati l’uno dall’altro.
Appena il forno è caldo infornali e lasciali cuocere per 10/12 minuti, devono essere di un bel colore dorato.
Lasciali raffreddare su una griglia.


EASY: a me piacciono nel caffè alla mattina, ma sono ottimi anche da servire con il tè.




CHIC: una versione molto golosa come dessert per un pranzo estivo. Componi una specie di biscotto gelato, utilizzando due digestive farciti con una crema da cheese cake gelato come questa. In questo caso sono più simpatici se fatti piccoli, con un diametro simile a quello dei tradizionali macarons.

18 commenti:

  1. Partirei con più grinta e con un sorriso sulle labbra, se la mattina per colazione avessi dei biscotti cosi deliziosi, sono perfetti Antonella e golosissimi, brava!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, grazie del tuo commento. Io la mattina senza qualche biscotto non sono in grado di ragionare. Baci!

      Elimina
  2. Bellissima l'idea di prepararli in casa, me la segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana, grazie di essere passata. A presto!

      Elimina
  3. come darti torto, le digestive sono talmente buone! devo provarle in versione vegan così posso mangiarle anch'io! mamma mia, quante cose da fare, provare, sperimentare più tutto il resto. Tu sei troppo brava a svegliarti alle 5. Io non ce la farei, sarei morta dopo due giorni! però hai ragione, uno spazio tutto per sè è fondamentale per caricarsi o ricaricarsi :) Un bacione a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, allora aspetto la tua versione vegan, sono sicura che riuscirai ad inventarti qualcosa di buonissimo. Si, mi piace avere uno spazio solo mio e l'unica possibilità è .. all'alba! Ti abbraccio. A presto!

      Elimina
  4. mi hai letto nel pensiero stavo proprio cercando questa ricetta!
    grazie
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, provali, vedrai che non ti deluderanno. E' una ricetta molto collaudata (almeno quella originale senza le mie modifiche). Buon fine settimana e grazie a te di essere passata!

      Elimina
  5. anche me piacciono molto abbnanti con il caffè, non pensavo però di farli in casa i digestive, grazie della dritta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Gunther di essere passato. A me piacciono molto e tra le varie ricette che ho provato questa di Rhodes è la migliore a mio parere. Ciao!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Oh non dirlo a me, io faccio milioni e milioni di errori di battitura. Grazie!!

      Elimina
  7. Antonella io impazzisco per questi biscotti, .... ma come fai a svegliarti alle cinque? Io che mi alzo alle sei e trenta soffro come un ghiro alla fine del suo letargo, non ce la faccio! Complimenti per i biscotti e per le levatacce! Un bascione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty, è una mezza follia quella di svegliarsi così presto, ma un po' sono lenta, un po' pretendo di stare un'ora o quasi immobile a leggere, insomma me la cerco!! Baci e grazie di essere passata.

      Elimina
  8. Si i digestive sono biscotti perfetti per ogni occasione. Come darti torto? con una tazza di caffè ti fanno partire bene la giornata. Certo che alzarsi alle 5...hai ragione sul fatto che è bello riuscire a prendersi un'oretta tutta per se, ci vorrebbe proprio tutti i giorni. Ma non riuscirei ad alzarmi così presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie di essere passata e del tuo commento. Anche a me i digestive piacciono molto, si le 5 sono un po' presto, cosa non si fa per avere un'ora di tranquillità tutta per sè! A presto.

      Elimina
  9. Ciao Antonella :) Anche io, come te, al mattino ho bisogno di tempi lenti e delle mie abitudini.. guai a farmi saltare la colazione!!! ;) Adoro i biscotti digestive e salvo subito la ricetta, i tuoi sono stupendi!!! Complimenti e un bacio grande, buona serata :) <3

    RispondiElimina
  10. Ciao Valentina, grazie di essere passata. Si anche per me tempi lentissimi la mattina. Baci!

    RispondiElimina