giovedì 28 febbraio 2013

Minestra di orzo e zucca gialla

Qualche giorno fa parlavo con una mia amica appena rientrata da un fine settimana lungo trascorso a sciare sulle Dolomiti. Poiché tra di noi, gira e gira, il discorso cade sempre sulla cucina, ci siamo messe a parlare delle cose specialissime che ha mangiato da quelle parti. Mi ha detto che una delle cose più buone della vacanze è stata una zuppa di orzo mangiata bella calda in un piccolo rifugio incontrato su una delle piste da sci. Mi ha raccontato che la giornata era gelida, nevicava senza smettere un attimo e fermarsi a pranzo per una zuppa bollente è stata l’idea migliore della giornata. Il suo racconto mi ha dato l’ispirazione giusta! L’orzo (come il farro e altri cereali di questo genere) mi piace molto, ma di solito lo utilizzo in estate per insalate fredde tipo insalata di riso, e solo raramente l’ho utilizzato per una zuppa invernale. Nel fine settimana a Torino è nevicato così tanto ed è stato così freddo  - almeno per una come me.. nata molto sotto il Po, come mi dicono per scherzo le mie amiche e  non abituata fin da piccola ad inverni così gelidi – che sabato sera rientrati da fuori ho deciso che la cosa migliore per combattere il freddo e concedersi un vero comfort food da fine settimana invernale era preparare una zuppa di orzo. Avevo della zucca gialla e l’ho utilizzata per questa semplice minestra, che ho cotto nella pentola a pressione perché era un po’ tardi quando ho deciso di farla, ma è ancora più buona fatta cuocere lentamente dopo aver tenuto a bagno per qualche ora l’orzo (io non avendo tempo l’ho utilizzato solo dopo un breve passaggio in acqua di 15 minuti).


MINESTRA DI ORZO E ZUCCA GIALLA



Ingredienti per 4 persone:


200 gr di orzo perlato  
800 gr di zucca gialla (peso della zucca già privata della buccia e dei semi)
4  piccole carote
2 coste di sedano
1 cipolla rossa
Olio extravergine di oliva
1 litro di brodo vegetale
Sale e pepe (se lo utilizzi) oppure noce moscata
Un pezzetto di crosta di Parmigiano Reggiano

Metti a bagno l’orzo perlato in acqua fredda per 15 minuti se utilizzi la pentola a pressione, altrimenti lascialo a bagno due ore circa se scegli la cottura tradizionale.
Taglia le carote e il sedano a piccoli cubetti, la cipolla in fettine molto sottili.
Taglia anche la zucca a cubetti non troppo piccoli, diciamo 2 cm di lato.
Gratta la crosta di formaggio, in modo da togliere la parte più superficiale e passala rapidamente sotto l’acqua.
Metti il trito di sedano e carote nella pentola in cui vorrai cuocere la minestra con 6 cucchiai di olio extra vergine di oliva e fai insaporire a fuoco basso.
Quando le verdure iniziano ad ammorbidirsi aggiungi anche la cipolla ed eventualmente, se il trito si asciuga troppo, qualche cucchiaio di acqua.
Quando anche la cipolla è diventata trasparente, aggiungi i cubetti di zucca e un pizzico sale (il mio brodo è poco salato, aggiungi sale in questa fase solo se il brodo che usi non è molto saporito).
Lascia insaporire la zucca per qualche minuto, poi aggiungi l’orzo scolato dell’acqua dell’ammollo e lavato sotto acqua corrente.
Mescola rapidamente con un mestolo di legno, aggiungi la crosta di formaggio e il brodo vegetale.
Chiudi la pentola a pressione e lascia cuocere dal sibilo 20 minuti a fiamma bassa.
Se invece scegli la cottura tradizionale, copri con il brodo e lascia cuocere coperto a fiamma bassa per 45/50 minuti.
Prima di servire nei piatti elimina la crosta di parmigiano.
Servi ben calda con pochissimo pepe macinato al momento, se lo usi (io non l’ho messo, ho preferito un pizzico di noce moscata).

Foto ancora mie.

Con questa ricetta partecipo al contest di Fragole e Panna DI CUCINA IN CUCINA




EASY: cena .. comfort food: minestra di zucca e orzo, insalata tiepida di barbabietole, noci e dadi di formaggio, mele al forno.


 
CHIC: servila a pranzo la domenica in piccole porzioni in mini-zuppiere individuali con un cubetto di gorgonzola.

38 commenti:

  1. Se ve tan lindo y delicioso que quiero probar,adoro la minestra de calabaza abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  2. L'orzo mi piace moltissimo! Mai provato a preparare una zuppa così!
    Oggi fa un freddo, ci vorrebbe proprio!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani, scusa rispondo sempre con ritardo. Anche a me l'orzo piace tanto, è una piacevole variante rispetto al riso a alla pasta. Grazie della visita. A presto!

      Elimina
  3. Ahh le Dolomiti.. ci ho fatto l'infanzia sai.. tra la Marmolada, il Sasso Lungo, il Sasso Piatto.. Campitello, Canazei. Che ricordi. E questa zuppetta d'orzo è strepitosa, tesoro. TVB! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che beri ricord Ely, sono posti bellissimi! Grazie di essere passata e un grande bacio anche a te!

      Elimina
  4. Anche io ci sono stata per anni a Canazei... in realtà a Pozza di Fassa e poi navetta per Canazei e via a sciare... Meravigliosa questa zuppa d'orzo.... anche qui in Campania! Un bascio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty grazie di essere passata e baci!

      Elimina
  5. Ciao Anto! :) Spesso dai racconti nascono le ispirazioni più belle, anche a me è capitato! :) Questa zuppa è invitante e confortante oltre che senza dubbio ottima! :) Complimenti, un abbraccio e buona serata! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Valentina, infatti mi piace moltissimo ascoltare ogni racconto, magari non sono una che parla tanto, ma ascoltare mi piace tantissimo. Baci e buon pomeriggio (rispondo sempre tardissimo!)

      Elimina
  6. Mmmm le zuppe d'orzo sono fenomenali, poi in questi giorni innevati puù che mai! Sono una tua nuova follower :)

    RispondiElimina
  7. Mi piace mi piace la versione chic!!!!! Sei sempre in gamba! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, grazie di essere passata. Anche io preferisco la versione chic, zucca e gorgonzola sono due sapori che insieme mi piacciono molto. Baci.

      Elimina
  8. Sei stata premiata :) http://inmouveritas.blogspot.it/2013/02/autoreferenzialita.html

    RispondiElimina
  9. che gran bella minestra l'orzo è un po snobbato ma è un ottimo cereale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gunther, grazie! Si hai ragione l'orzo è poco diffuso, ma anche a me piace moltissimo. Buon fine settimana!

      Elimina
  10. Ciao cara Alice, grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. Fatta ieri sera, davvero squisita! grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie di aver provato una mia ricetta. Sono contenta che ti sia piaciuta!

      Elimina
  12. Questa c'è l'ho come zuppa fissa nel mio menù. Vado sempre in vacanza sulle Dolomiti e questa zuppa me le ricorda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cia Cristina, grazie di essere passata. Pensa che io ho scoperto da poco l'orzo 'in inverno', ma piace molto anche a me. A presto!

      Elimina
  13. ottima minestra, la segno per provarla, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. excellent plat et réconfortant bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  15. Ciao Fimère! Merci et à bientot.

    RispondiElimina
  16. la zucca la adoro...l'orzo anche...beh, non mi resta che provare!!! ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala sei avrai tempo Simo, spero che ti piaccia!
      Ciao e grazie di essere passata.

      Elimina
  17. cose buone cose sane..ùun bacio

    RispondiElimina
  18. E' una delle mie minestre preferite quando vado a sciare, leggera ed energetica. Complimenti per le descrizioni, veramente ben fatte e si vede quanta passione per la cucina ci metti.

    Roger

    RispondiElimina
  19. Grazie Roger! Mi piace molto cucinare ma sono solo una dilettante per ora. A presto!

    RispondiElimina
  20. amo il tuo blog
    ti seguo con piacere, passa a trovarmi se ti va

    http://muchoney.blogspot.it/

    RispondiElimina
  21. Cercavo idee per una zuppa con orzo e zucca, ed eccomi qui, un po' per la ricetta, un po' per il nome del blog che mi è piaciuto subito!
    E se non ho capito male anche tu sei di Torino (di adozione, forse).

    Tra poco mi metto all'opera :)
    Buon fine domenica!

    Alice


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, benvenuta e grazie del tuo commento.
      Si, abito a Torino da qualche anno anche se sono Toscana.
      A presto!

      Elimina