venerdì 20 gennaio 2017

Pane quasi integrale con i semi

La settimana scorsa qui a Torino è arrivata la prima neve della stagione. Una nevicata lieve, della quale il giorno dopo non c’era quasi più traccia. Niente a che vedere con la tragedia infinita che sta tormentando in questi giorni le regioni del centro Italia. Anche la neve in apparenza così soffice e innocua può diventare un terribile incubo.
Per quanto la neve in città sia considerata da molti una vera seccatura.. a me piace. Mi piace veder nevicare: ha iniziato intorno a mezzogiorno, prima pochi timidi fiocchi, poi una nevicata sempre più consistente. Ero a casa in ferie e dalle finestre della mia cucina vedevo una girandola leggera di fiocchi fittissimi che cadevano mollemente sui tetti. Sarà solo un’impressione ma mi sembra che quando nevica il mondo diventi più silenzioso e tranquillo.
In una giornata così avevo due possibilità. La prima. Uscire sotto la neve, tanto quando nevica non è mai troppo freddo, per passeggiare lungo le strade e nei giardini che diventano poco a poco bianchissimi; dedicare un’oretta di tempo prima che diventi buio a fare un bel pupazzo, di quelli che si vedono nei disegni dei bambini con una carota come naso e due grossi bottoni tondi per occhi. Qui dove abito c’è un piccolo giardino condominiale perfettamente quadrato con un albero di magnolia al centro e negli angoli due piccole panchine di ferro battuto, che erano diventati sinuosi arabeschi bianchi. Ma temo che gli altri condomini (tutti piuttosto seri e severi) non avrebbero gradito un pupazzo proprio al centro del prato e quindi ho rinunciato e sono passata all’opzione due. Ovvero: restare in casa e dedicare il pomeriggio a preparare una cena fatta di pietanze calde, confortevoli e a lenta cottura, di quelle che si possono preparare – almeno questo vale per me – solo in un pomeriggio di ferie. Una vellutata come primo piatto e un arrosto ricco con qualche verdura. Piatti che mentre cuociono diffondono in cucina un piacevole calore e profumo di cose buone. E poi un pane fatto in casa: un mix di farine diverse e gli avanzi di alcuni barattoli di semi (lino sesamo e girasole) che erano rimasti da alcune preparazioni natalizie. Ci è servito come antipasto in attesa che la vellutata si freddasse un po’ e diventasse commestibile: appena sfornato tagliato in strisce sottili e condito sul momento con olio extra vergine di oliva e sale nero di Cipro. Sulla tavola tovaglia e piatti bianchissimi in omaggio alla neve che continuava a cadere e candele verde bosco per … cambiare un po’!!


PANE QUASI INTEGRALE CON I SEMI


Ingredienti per una pagnotta: 

250 gr di farina integrale
120 gr di farina ‘00’
80 gr di farina grano saraceno
300 gr di acqua
7 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino da caffè colmo di miele di acacia
30 gr di semi di girasole
30 gr di semi di lino
10 gr di semi di sesamo
5 gr di sale fino

In una brocca sbriciola il lievito e aggiungi 150 gr di acqua appena tiepida e tutto il miele. Lascia riposare 10 minuti.
Nel frattempo setaccia in una ciotola le tre farine, aggiungi i semi e l’acqua con il lievito.
Inizia ad impastare aggiungendo gradualmente l’acqua rimasta (potrebbe non servire tutta).
Appena l’impasto è lavorabile con le mani, aggiungi il sale e trasferisci l’impasto su una superficie infarinata.
Impasta almeno una quindicina di minuti, devi ottenere una pasta elastica (con la planeteria sarebbe necessario meno tempo ma io ho preferito fare a mano).
Terminata la fase di impasto, forma una palla e metti il panetto a lievitare in una ciotola pulita, coperta con un sacchetto di plastica che lasci alla pasta lo spazio per crescere e lievitare (quindi la plastica non a contatto con l’impasto).
Lascia lievitare in un luogo riparato fino al raddoppio (io ho impiegato circa tre ore).
Trascorso il tempo di questa lievitazione, preleva la pasta dalla ciotola e dai al pane la forma che preferisci. Io non sono molto brava e faccio solo pagnotte tonde con qualche taglio qua e là, ma si possono ottenere forme bellissime.
Appoggia la pagnotta in una teglia che possa andare in forno, foderata di carta da forno, copri con un canovaccio pulito e lascia lievitare ancora un’oretta.
Dopo una mezz’ora accendi il forno a 220 gradi in modo che il forno sia caldo quando la pagnotta è pronta per essere cotta.
Cuoci il pane a 220 gradi per circa 45 minuti (dipende dal forno quindi dopo 35 minuti comincia a controllare la cottura). Io lo copro con un foglio di alluminio, in modo che non si scurisca troppo in superficie, il mio forno tende a bruciare. Negli ultimi dieci minuti elimino l’alluminio e faccio dorare la pagnotta.
Sfornala e lasciala raffreddare su una griglia.
E’ molto buona e croccante il giorno in cui viene preparata, a mio parere resiste bene, senza essere congelata anche per i tre giorni successivi, perde un po’ di croccantezza ma resta morbida e gustosa.



EASY: come aperitivo improvvisato come abbiamo fatto noi, condita semplicemente con olio e sale.


CHIC: puoi utilizzarlo come base per delle tartine: spalma delle sottili fette di pane con poca robiola, aggiungi sopra un ciuffo di cipolle caramellate e pezzetti di nocciole tostate. Servi queste tartine con vino bianco frizzante.



12 commenti:

  1. che meraviglia di pagnotta....adoro questi pani dalla consistenza rustica e corposa! Un abbraccio cara e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona, buona domenica a te! baci.

      Elimina
  2. Se fossi stata li con te, ti avrei convinta a fare il pupazzo di neve anche perché adoro giocare con la neve come quando ero bimba e adoro "dar fastidio" a certe persone troppo rigide ... c'è bisogno anche di vivere un pò con leggerezza ogni tanto! La cenetta che hai preparato è una vera delizia e completamente nelle mie corde, apparecchiatura compresa. Questo pane poi è fantastico e concordo assolutamente easy ... olio e sale ma per me integrale di Cervia, lo adoro!
    baci tesoro e buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Alice, hai ragione, c'è bisogno di leggerezza ogni tanto, forse sempre più spesso. Ti abbraccio forte e buona settimana anche a te!! Ottimo il sale di Cervia appena macinato, la prossima volta userò quello invece che quello nero, con il quale sono fissata, fino all'esagerazione. Grazie!!

      Elimina
  3. Ciao tesoro :) La cosa migliore, col freddo, con la pioggia... è impastare, dedicarsi ai dolci, alla cucina... secondo me non c'è niente di meglio! Questo pane è fantastico! Bravissima, complimenti e un abbraccio forte forte <3 :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, grazie del tuo commento. Si, nelle giornate fredde e piovose è una consolazione pensare di chiudersi in cucina e preparare qualcosa di buono. Baci e a presto.

      Elimina
  4. Il pane è il primo alimento al mondo piace a tutti ma con i semi diventa davvero ricco, senza meno avrà trasmesso calore e profumo di cose buone come dici tu un saluto

    RispondiElimina
  5. Ciao Serena, grazie di essere passata. A me piace molto aggiungere un po di semi al pane, trovo che diano un gusto diverso. A presto!

    RispondiElimina
  6. Bellissima pagnotta, immagino il profumo dentro casa, però ... io avrei fatto anche il pupazzo di neve con tanto di carota e bottoni ed un cartello con la scritta "abbasso quelli seri e severi, viva la gioia e l'allegria".
    Roger

    RispondiElimina
  7. Ma quanto è bella! rustica a confortevole, una calda profumata pagnotta riscada l'inverno e fa compagnia nei lunghi pomeriggi di ferie :-)
    Peccato un pupazzo di neve ci sarebbe stato benissimo!
    Mi piace molto la versione easy con cui hai imbastito l'antipasto ma anche la versione chic è estremamente promettente, entrambe da provare :-)
    Buona serata, a presto ...

    RispondiElimina
  8. Che pane favoloso!!! Che voglia di mettere le mani in pasta cara Antonella :-) un bacione!

    RispondiElimina
  9. Ho sempre una grande ammirazione per chi riesce a fare il pane cosi buono

    RispondiElimina