mercoledì 11 novembre 2015

Crackers di farro con semi di girasole

Da una decina di giorni qui a Torino la sera accendono le ‘luci di artista’. Nelle vie principali del centro ogni anno in questo periodo sistemano delle luci particolari e molto belle che accompagnano l’inaugurazione di Artissima (la fiera di arte contemporanea) e restano poi fino a dopo Natale. Alcune sono davvero natalizie, come gli alberi di Natale stilizzati fatti di neon verdi e quelli che sembrano frantumi di vetro colorato, altre sono brillanti e luminose, come le ‘costellazioni’, un insieme di lucine dorate che simulano le stelle del cielo. In Piazza San Carlo hanno messo intorno ai lampioni dei vetri colorati gialli, verdi, rossi, blu, quando la sera li accendono l’impressione è quasi magica: la piazza è molto meno illuminata del solito e i lampioni colorati sembrano galleggiare nella notte. Lampioncini colorati pendono anche dagli archi dei portici che circondano la piazza e l’atmosfera è quella di un raffinato presepe.
A mio parere tutto questo ‘fare Natale’ a inizio Novembre è un po’ in anticipo sui tempi, quest’anno poi con questa improvvisa primavera è totalmente straniante, sembra che qualcuno abbia dimenticato di smontare gli addobbi dell’anno prima. Sabato intorno all’ora di pranzo, sotto gli alberi di Natale che pendevano tra un palazzo e l’altro, c’erano tavolini disseminati sui marciapiedi e nelle piazze, affollati di turisti e non-turisti che chiacchieravano sotto i raggi di un bellissimo sole e sorseggiavano l’aperitivo con indosso solo maglioni di cotone e occhiali da sole, come a maggio. Perfino il carrettino che vende caldarroste sembra completamente fuori stagione, un bel gelato o un aperitivo leggero a base di grissini croccanti, crackers, bastoncini di verdure crude e dip cremosi sembra molto più in linea con il clima di queste giornate.
E anche noi non ce lo siamo fatto mancare. Da tempo volevo provare a fare in casa dei crackers croccanti, un po’ diversi dai soliti grissini o dalle mini focacce che preparo di solito. Da abbinare a fettine di salmone affumicato e dip vellutati per un aperitivo a due da consumare velocemente prima di andare a teatro oppure da preparare in dosi abbondanti e servire agli amici con paté di tonno, crema di formaggio alle erbe, chutney piccanti e cubetti di parmigiano. Prima di cena, in sostituzione della cena, magari con un dessert finale e un vino adatto all’occasione oppure in attesa del pranzo, con questo clima anche in terrazza. Come preferite.

P.S. Sono molto buoni appena fatti, se avanzano conservali in un barattolo di vetro, ma durano al massimo un’altra giornata, poi a mio parere perdono molto della croccantezza.

P.S.2 Oggi è San Martino e, almeno qui a Torino, sta rispettando in pieno la tradizione dell’estate di San Martino come giornata più calda dell’autunno, c’è un sole meraviglioso e l’aria decisamente tiepida. Quando eravamo piccoli a scuola si faceva sempre un tema, un piccolo pensierino o un disegno sulla leggenda di San Martino, la maestra ci parlava della divisione del mantello, del caldo improvviso ecc. ecc. Chissà se oggi a scuola i bambini continuano a ricordare queste ‘feste della tradizione’ e a divertirsi con queste favole antiche. Mi piacerebbe pensare di si.


CRACKERS DI FARRO CROCCANTI CON SEMI DI GIRASOLE




Ingredienti per una trentina di crackers :

70 gr di farina integrale di farro
80 gr di farina ‘00’
75 gr di acqua appena tiepida
1 cucchiaino da caffè di sale fino
1 cucchiaio da minestra di olio extra vergine di oliva + quello per ungere la ciotola
4 gr di lievito di birra fresco
qualche cucchiaio di semi di girasole


Sciogli il lievito in 50 gr dell’acqua tolta dal totale e lascia riposare qualche minuto.
Intanto in una ciotola setaccia le due farine.
Aggiungi l’acqua con il lievito ed inizia ad impastare aggiungendo se serve altra acqua (io l’ho utilizzata tutta), in modo da ottenere un impasto morbido e liscio.
Aggiungi il sale e impasta ancora un attimo per incorporarlo bene.
Da ultimo inserisci l’olio e impasta ancora per qualche minuto fino ad ottenere un impasto elastico e compatto.
Mettilo a lievitare in una ciotola pulita leggermente unta di olio e lascialo lievitare per almeno tre ore (deve raddoppiare di volume).
Quando la pasta è lievitata stendila su un piano infarinato utilizzando un mattarello per ottenere una sfoglia sottile (qui devi fare un po’ di prove a me piacciono quando non sono sottilissimi, ma dipende dai gusti).
Taglia i crackers della forma che preferisci (io ho fatto dei piccoli rettangoli, ma sono carini anche tondi tipo ‘ritz’ o a forma di rombo).
Fodera una teglia con carta da forno e appoggia i crackers.
Buca la superficie di ogni cracker con uno stecchino, poi spennellali rapidamente di acqua (pochissima serve solo per far aderire i semi di girasole) e cospargili con un po’ di semi di girasole.
Copri la teglia con un canovaccio pulito e lascia lievitare ancora per un’ora e mezzo.
Trascorso il tempo di lievitazione, accendi il forno a 180 gradi.
Appena il forno è caldo cuoci i crackers per 12/15 minuti, devono diventare dorati.
Sfornali, lasciali raffreddare su una griglia e servili come preferisci.

EASY: aggiungili a cena nel cestino del pane e metti in tavola un po’ di burro salato. Da sgranocchiare mentre si aspetta che la pasta finisca di cuocere.



CHIC: mi piacciono molto da servire come aperitivo in piedi insieme a creme di verdura e di formaggio. Sistema tutto (coppette di vetro con i crackers, ciotoline con dip e creme di formaggio, cubetti di toma, provola e parmigiano per esempio) su un piccolo carrello o un tavolino di servizio, accompagna con vino bianco o prosecco e lascia che i tuoi ospiti possano iniziare a chiacchierare e a fare conoscenza, se necessario, prima di sedersi a tavola.


18 commenti:

  1. Bellissimi i tuoi crackers... molto profumati con i semi di girasole... Mi vado a dare un'occhiata alle luci di cui racconti, mi hai fatto incuriosire. Un bascione gioia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Patty, grazie di essere passata. Beh queste luci di artista meritano davvero una visita, in queste giornate Torino è molto bella. baci!

      Elimina
  2. cara Antonella, con la tua descrizione mi hai fatto venir voglia di venire a Torino! dev'essere veramente suggestiva! anche se io detesto il Natale e farei di tutto perchè non arrivasse puntuale ogni anno! :( vabbè, comunque a parte questo, le città illuminate invece mi piacciono molto. Qui ha fatto caldo la settimana scorsa, sembrava primavera! ora però c'è freddo e nebbia, tanta nebbia! Vabbè, per fortuna abbiamo la cucina a consolarci, deliziosi i tuoi crackers, adoro gli snacks, pure troppo :) Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Simona, se c'è un momento dell'anno in cui Torino merita una visita è davvero questo, con tutte queste luci è molto suggestiva. Grazie del tuo commento e un abbraccio grandissimo. P.S. Qui per ora continua questa inaspettata primavera, ma ancora per poco dicono. Baci!

      Elimina
  3. Sembrano davvero buoni; bella l'idea dell'aperitivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie del tuo commento. A presto!

      Elimina
  4. Mi hai fatto venir una gran voglia di prendere un treno e raggiungerti a Torino, non per il caldo, perchè qui a Roma è estate, ma per il resto! Anche stavolta per me hai fatto centro con questi crakers, perfetti e sfiziosissimi come aperitivo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, si immagino che anche da voi il tempo sia bellissimo. E' caldo qui, dove di solito in questo periodo si viaggia con sciarpa e cappotto pesante. Torino in questi mesi è proprio da vedere e c'è tempo fino alla befana! Ti abbraccio e grazie.

      Elimina
  5. I prodigi di San Martino ... speriamo che duri a lungo :-)
    Bellissimi i tuoi crackers, buoni e golosi sia nella vesione easy che in quella chic ... uno tira l'altro !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anisja, si io ho una passione per queste cose piccole e croccanti, se inizio a mangiarne qualcuno non mi fermo! Un bacio e grazie!

      Elimina
  6. Eh già.. un autunno un po' primaveroso, Anto bella :) Ma ti dirò che non mi dispiace.. anzi.. vorrei tanto continuasse così. <3 Certo è che, se gli addobbi sono sempre in anticipo, dovresti fare tu un'esposizione ad Artissima!!! Con questi crackers vinceresti di sicuro un premio :P Che belli e che buoni.. me li immagino con il mio amato miele! Complimenti tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, sai che mi hai dato un'idea? Con il miele, non ci avevo pensato. Grazie di essere passata e un abbraccio grande.

      Elimina
  7. Complimenti Antonella, molto sfiziosi ed invitanti questi crakers, adoro la farina di farro!!!!

    RispondiElimina
  8. Hermosa tus galletas linda versión me encanta,abrazos

    RispondiElimina
  9. Che delizia i tuoi crackers...una volta li facevo spesso anche io con gli esuberi della pasta madre, ma ultimamente, da quando mi è passata a miglior vita, non li faccio quasi più...ed è un vero peccato, tu mi hai fatto tornare la voglia! Sono davvero deliziosi...
    Buon fine settimana cara!

    RispondiElimina
  10. Ciao tesoro, anche qui luci natalizie e tempo direi quasi estivo!!! Un po' in contrasto!!! :D Buonissimi i crackers di ogni tipo, io ne vado matta.. e i tuoi devono essere deliziosi! Complimenti, un bacione e buona settimana <3 :**

    RispondiElimina